Ricarica delle batterie con il caricabatteria 

Quando la batteria dà segni di cedimento, il caricabatteria è il miglior amico del motociclista. Affinché sia sempre così, ti presentiamo alcuni consigli per l'uso.

Ricarica delle batterie con il caricabatteria

Ricarica corretta delle batterie

In caso di periodi di fermo prolungati, una batteria di avviamento va ricaricata anche se non sono collegate utenze, e va smontata dalla moto. Le batterie hanno una resistenza interna e si scaricano quindi autonomamente. Dopo uno-tre mesi, l'accumulatore di energia è vuoto. Chi pensa di poter ricaricare semplicemente la batteria si troverà di fronte a una brutta sorpresa: la batteria completamente scarica non è infatti più in grado di accumulare correttamente l’energia, ne trattiene per così dire solo una parte. Per evitare una situazione simile, abbiamo raccolto i consigli sulla ricarica tempestiva e corretta e sui caricabatteria adatti.

Tipi di caricabatteria

Da quando nel settore delle moto e degli scooter vengono impiegati diversi tipi di batteria, anche l'offerta di caricabatteria si è diversificata. Nel corso degli anni, vari produttori hanno lanciato sul mercato i seguenti tipi di base di caricabatteria:


Fig. 1 – Caricabatteria automatico semplice per il fermo invernale: ProCharger 600

Fig. 1: Caricabatteria automatico semplice per il fermo invernale: ProCharger 600

Caricabatterie standard

I caricabatteria standard tradizionali senza disattivazione automatica e con corrente di ricarica non regolata sono ormai una rarità. Possono essere utilizzati solo con le batterie ad acido standard tradizionali, in cui il processo di ricarica può essere valutato osservando il liquido. Se quest'ultimo inizia a produrre gas e appaiono bolle in superficie, occorre scollegare di proprio pugno la batteria dal caricabatteria, presupponendo di aver raggiunto la ricarica completa.

Le batterie permanentemente sigillate alla microfibra di vetro/AGM, al gel, al piombo puro o agli ioni di litio non vanno assolutamente collegate a questo tipo di caricabatteria, perché in questo caso non è possibile verificare con certezza quando la batteria è completamente carica. Un sovraccarico danneggia sempre la batteria, riducendone la durata (anche notevolmente nel caso in cui il sovraccarico sia ripetuto).

Caricabatteria automatici semplici

I caricabatteria automatici semplici si disattivano autonomamente, per lo meno quando la batteria è completamente carica. Tuttavia, non possono adattare la tensione di ricarica al livello di carica della batteria. Di solito, questi caricabatteria non riescono a "resuscitare" le batterie al gel, al piombo puro o alla microfibra di vetro/AGM completamente scariche. Sono però perfetti per i casi meno gravi (quindi, ad esempio, per la carica di mantenimento durante l'immagazzinamento o il fermo invernale).


Fig. 2 – Moderno dispositivo versatile con funzione di desolfatazione: ProCharger 1.000

Fig. 2: Moderno dispositivo versatile con funzione di desolfatazione: ProCharger 1.000

Caricabatteria automatico con microprocessore

Un caricabatteria automatico con microprocessore "intelligente" offre vantaggi decisivi non solo per le moderne batterie alla microfibra di vetro/AGM, al gel o al piombo puro, ma anche per le tradizionali batterie ad acido. Questo caricabatteria vanta infatti funzioni di diagnosi e manutenzione con cui la vita della batteria può essere allungata sensibilmente.

Questi caricabatteria sono in grado di riconoscere il livello di carica della batteria e adattare la corrente di carica a quest'ultimo. Grazie a una modalità di desolfatazione, alcuni riescono a ravvivare la vecchia batteria che si è parzialmente solfatata, così il motorino di avviamento del mezzo riprende sufficiente potenza. Durante i tempi di fermo del veicolo, sono inoltre in grado di proteggere la batteria dalla solfatazione grazie alla ricarica di manutenzione/mantenimento. Nella modalità di manutenzione vengono, per esempio, inviati piccoli impulsi di corrente alla batteria a determinati intervalli. Questi impulsi fanno in modo che non si depositi solfato sulle piastre di piombo. Per maggiori informazioni sulla solfatazione e sulle batterie, consulta i consigli per meccanici fai da te Batteria.


Fig. 3 – Ricarica collegandosi alla presa di bordo originale solo con caricabatteria adatto a CAN-bus. In questo caso: ProCharger 4000

Fig. 3: Ricarica collegandosi alla presa di bordo originale solo con caricabatteria adatto a CAN-bus. In questo caso: ProCharger 4000

Caricabatteria con microprocessore con idoneità CAN-bus

Se desideri ricaricare la batteria di un veicolo con impianto elettrico di bordo dotato di CAN-bus tramite una presa per la carica montata di serie, devi utilizzare uno speciale caricabatteria con microprocessore con idoneità CAN-bus. Di solito, altri caricabatteria rimarrebbero collegati alla presa di bordo originale senza funzionare (a seconda del software CAN-bus), perché anche la presa viene separata dalla rete di bordo al disinserimento dell'accensione. Se la batteria non è montata in posizione nascosta, ovviamente puoi anche collegare il cavo di ricarica direttamente al polo della batteria. Un caricabatteria adatto a CAN-bus inoltra un segnale al computer di bordo della moto tramite la presa. In questo modo, la presa viene abilitata per la ricarica.


Fig. 4 – Le batterie agli ioni di litio richiedono un caricabatteria speciale

Fig. 4: Le batterie agli ioni di litio richiedono un caricabatteria speciale

Caricabatteria con modalità di ricarica per gli ioni di litio

Se utilizzi una batteria agli ioni di litio sulla moto, dovresti procurarti anche uno speciale caricabatteria con modalità di ricarica per gli ioni di litio. Le batterie agli ioni di litio sono sensibili alle tensioni di carica troppo elevate e non vanno mai caricate con caricabatteria che inviano alla batteria una tensione di avviamento eccessivamente alta (funzione di desolfatazione). Una tensione di carica eccessiva (oltre 14,6 volt) o programmi di tensione di carica a impulsi fluttuanti possono danneggiare in modo irreparabile la batteria agli ioni di litio. Per la ricarica è necessaria una corrente di carica costante.


Fig. 5 – Dispositivo di controllo e presa per la ricarica in uno: il semaforo di carica ProCharger

Fig. 5: Dispositivo di controllo e presa per la ricarica in uno: il semaforo di carica ProCharger

La corrente di carica adatta

Oltre al tipo di caricabatteria, anche la relativa potenza riveste un ruolo fondamentale. La corrente di carica fornita dal dispositivo non dovrebbe superare 1/10 della capacità della batteria. Esempio: se la batteria del tuo scooter raggiunge 6 Ah, non dovresti impiegare caricabatteria che inviano alla batteria una corrente di carica superiore a 0,6 ampere, perché questo comporterebbe danni alla piccola batteria, riducendone la durata.

Viceversa, con un caricabatteria per due ruote piccole puoi ricaricare la grande batteria di un'auto, ma l'operazione potrebbe essere molto lenta (in casi estremi potrebbe durare anche diversi giorni). Già all'acquisto presta quindi attenzione all'indicazione in ampere (A) o milliampere (mA).

Se devi ricaricare la batteria sia di un'auto, sia di una due ruote, la soluzione ideale è un caricabatteria dotato di più di un livello di carica. Se è commutabile da 1 a 4 ampere come ProCharger 4.000, con questo livello di carica puoi ricaricare la maggior parte delle batterie di auto nel giro di un giorno, anche se sono completamente scariche.

Se si tratta solo di una ricarica di manutenzione/mantenimento, puoi assolutamente utilizzare un piccolo caricabatteria con microprocessore, che mantiene "fresca" la batteria fino a quando non sposti il mezzo.


Buono a sapersi

Suggerimenti pratici

  • I caricabatteria usati nel mondo dei veicoli e delle moto non sono consigliati per la ricarica di batterie al nichel-cadmio, di modellini e di sedie a rotelle. Queste batterie speciali hanno infatti bisogno di caricabatteria speciali con un ciclo adattato.
  •  
  • Se ricarichi le batterie montate sulla moto tramite una presa di bordo collegata direttamente alla batteria, assicurati sempre che le utenze "silenti" (come orologi di bordo o sistemi di allarme) siano disinserite/scollegate. Se un'utenza "silente" (o anche una corrente di dispersione) è attiva, il caricabatteria non si trova nella modalità di mantenimento/manutenzione. Di conseguenza la batteria viene sovraccaricata.
  •  
  • Si possono ricaricare esclusivamente batterie permanentemente sigillate (al gel, alla microfibra di vetro, al piombo puro, agli ioni di litio), se montate nel veicolo. Le batterie ad acido standard vanno sempre smontate per la ricarica e le celle vanno aperte per il degassamento. I gas che fuoriescono causerebbero il fenomeno poco piacevole della corrosione sulla moto.
  •  
  • La decisione se lasciare la batteria collegata permanentemente al caricabatteria durante i tempi di fermo della moto (per la ricarica di manutenzione e quindi come protezione dalla solfatazione) dipende dal tipo di batteria. Le tradizionali batterie ad acido e le batterie alla microfibra di vetro da riempire autonomamente prediligono la ricarica di mantenimento permanente. Le batterie al piombo puro e al gel, nonché le batterie alla microfibra di vetro permanentemente sigillate presentano un'autoscarica tanto bassa che è sufficiente ricaricarle ogni 4 settimane collegandole al caricabatteria. Per questo motivo, per esempio, l'elettronica con CAN-bus BMW disinserisce anche la presa per la ricarica del veicolo finché la batteria viene rilevata come completamente carica. La ricarica di mantenimento non è quindi possibile. Le batterie agli ioni di litio non devono comunque essere sottoposte a ricarica di mantenimento, perché non si scaricano quasi per nulla. Il loro livello di carica è di solito riconoscibile tramite un indicatore a LED. Finché questo tipo di batteria è ancora carico per 2/3, non è necessario ricaricarlo.
  •  
  • Per la ricarica senza presa raggiungibile sono disponibili caricabatteria mobili come Fritec Ladebox. La batteria integrata può ricaricare una batteria della moto secondo il principio del travaso. Ma ci sono anche avviatori d'emergenza con cui è possibile eseguire un avviamento d'emergenza della moto, ma anche ricaricare (con il relativo cavo adattatore) una batteria fino a quando non è possibile riavviare la moto.
  •  
  • Controllo costante: il semaforo di carica ProCharger informa visivamente in merito allo stato della batteria di avviamento premendo l'apposito tasto. Estremamente pratico: se si accende la luce gialla o rossa del semaforo, puoi collegare il caricabatteria ProCharger alla batteria direttamente tramite il semaforo di carica, un notevole vantaggio in termini di comfort in caso di accumulatori difficilmente accessibili.

Il centro tecnico Louis

Se hai una domanda tecnica sulla tua moto, rivolgiti al nostro centro tecnico. Troverai infinita esperienza, opere di riferimento e indirizzi.

Attenzione!

I suggerimenti di meccanica fai da te sono procedure generali che potrebbero non essere applicabili a tutti i veicoli o a tutti i singoli componenti. Le condizioni specifiche del sito in cui lavori possono eventualmente variare notevolmente. Pertanto, non possiamo fornire alcuna garanzia alcuna garanzia per quanto riguarda la correttezza delle informazioni riportate nei suggerimenti di meccanica fai da te.

Grazie per la comprensione.