Montaggio di strumenti sulla moto

La dotazione obbligatoria delle moto custom include piccoli strumenti di precisione. La conversione può essere eseguita anche da meccanici fai da te. Utilizzando prodotti di motogadget come esempio, ti mostriamo come farlo.

Montaggio di strumenti sulla moto

Preparazione della conversione

Piccoli, precisi e accurati: sulle moto custom gli eleganti strumenti di motogadget sono una gioia per gli occhi. Gli impianti elettrico ed elettronico non sono particolarmente amati da molti motociclisti. Corrente e tensione non si possono vedere, a meno che non vengano prodotte potenti "scintille" quando entra in gioco il verderame. In realtà, però, montare uno strumento dalla forma accattivante sul cruscotto di una moto naked, chopper o fighter non è poi così difficile.

Nozioni di base

Chi desidera intervenire sull'impianto elettrico della propria moto dovrebbe conoscere i relativi concetti base come corrente e tensione, polo positivo e negativo. Per quanto possibile, dovrebbe essere disponibile uno schema elettrico che dovrebbe essere compreso almeno a grandi linee quando si tratta di identificare singoli componenti come ad esempio batteria, bobina di accensione, blocchetto dell'accensione e di monitorarne il relativo cablaggio.


Montaggio di strumenti sulla moto – iniziamo

Materiale per l'installazione elettrica

In caso di problemi, accanto allo schema elettrico è utile un multimetro per determinare l'altezza della tensione presente, la relativa polarità, l'intensità di corrente e la resistenza. In caso di schemi elettrici mancanti o cablaggi modificati, questo strumento consente di identificare rapidamente un determinato circuito di commutazione e i relativi connettori. Inoltre con il multimetro è possibile rilevare errori di connessione, collegamenti mancanti, fastidiose resistenze di contatto ecc. Nella maggior parte dei casi è tuttavia possibile collegare uno strumento al cruscotto anche senza multimetro. Per tagliare e lavorare i cavi è necessario un tronchese a taglio laterale. Per la spelatura vengono utilizzate pinze spelacavi. A seconda del tipo di tecnica di giunzione scelto è necessario utilizzare un saldatoio e stagno per saldare oppure una pinza crimpatrice e contatti a crimpare adatti. Le pinze crimpatrici spesso possono essere utilizzate anche per tagliare e spelare. motogadget fornisce sempre in dotazione un connettore a spina con contatti a crimpare o connettori per cavi per il collegamento dello strumento al cablaggio. Dovrebbero essere disponibili materiali come guaina termoretraibile, nastro isolante, fascette per cavi e segmenti di cavo supplementari per un'eventuale prolunga (con sezione del cavo adatta). Facoltativamente è possibile utilizzare connettori a spina supplementari con contatti a crimpare. 

Materiale per l'installazione meccanica

A seconda del veicolo e della posizione di installazione degli strumenti e dei sensori è possibile utilizzare supporti motogadget universali oppure supporti realizzati da soli. Se si deve creare un supporto da soli, ad esempio adatto alla piastra forcella superiore del relativo veicolo, per prima cosa realizzare una sagoma in cartone direttamente sulla moto, quindi trasferirla su un pannello di alluminio. Per adattare e fissare i supporti prefabbricati sono necessari di solito una sega in metallo, lime in metallo e della carta abrasiva. I fori di fissaggio vengono realizzati con un trapano a colonna oppure a mano. Consigliamo vivamente di definire e misurare prima i punti di fissaggio con un metro o un calibro a corsoio e di tracciare le misure utilizzando una squadra, un evidenziatore o una punta per tracciare. A seconda del tipo di attacco scelto, per avvitare di solito sono necessari un set di chiavi a brugola e un set di chiavi a forcella. Materiali supplementari per il fissaggio dei supporti alla moto sono viti, dadi e rondelle adatti. Le viti per il fissaggio dello strumento ai supporti universali vengono fornite in dotazione da motogadget. Se è necessario fissare il sensore di velocità alla ruota anteriore o posteriore, si dovrebbe disporre di un pezzo di lamiera in alluminio o acciaio inossidabile adatto. 

Collegamento elettrico dello strumento

Spesso ci si domanda se gli strumenti elettronici moderni possano essere utilizzati in moto più vecchie. La risposta a questo quesito è un sì chiaro e nel testo seguente viene spiegato come.

Alimentazione di tensione

L'alimentazione di tensione per la maggior parte degli strumenti di motogadget deve essere compresa tra 7 V e massimo 18 V. Quindi la normale tensione di bordo di circa 12 V è sempre sufficiente. Di solito è necessario solo il polo positivo "attivato" della tensione di bordo. Ciò significa che questa tensione viene attivata e disattivata attraverso il blocchetto dell'accensione (morsetto 15). Determinati strumenti come ad esempio "motoscope tiny" necessitano inoltre di un collegamento al positivo permanente della batteria. Nota: prima di iniziare con gli interventi di collegamento, la batteria dovrebbe in ogni caso essere scollegata completamente dalla rete di bordo. Consigliamo l'utilizzo supplementare di un fusibile "volante" per lo strumento (compreso nella fornitura). 

Tachimetro

Per misurare la velocità è necessario un impulso elettrico la cui temporizzazione/frequenza sia proporzionale alla velocità. A questo scopo, vengono utilizzati sensori elettronici sulla ruota anteriore, sulla ruota posteriore oppure sull'uscita del cambio.

Sensori di velocità elettronici già presenti

La maggior parte delle moto moderne è già equipaggiata con sensori di velocità elettronici originali. Vengono utilizzati 3 diversi tipi di sensori: 

Sensori a effetto Hall sulla ruota o sull'uscita del cambio – Non sono compatibili con gli strumenti di motogadget in quanto la tensione del segnale è relativamente bassa (notevolmente inferiore a 5 V); è necessario montare il sensore di velocità incluso nella fornitura dello strumento.

Attenzione: prima di iniziare i lavori di collegamento, la batteria deve essere sempre completamente scollegata dall'alimentazione di bordo. Si consiglia l'uso aggiuntivo di un fusibile volante allo strumento (incluso nella fornitura). 


sensore OEM

sensore OEM

Sensori induttivi o sensori di avvicinamento sull'uscita del cambio 

Vengono utilizzati dalla maggior parte dei costruttori di veicoli. Si tratta di sensori con 3 cavi di collegamento (tensione di alimentazione di +5 V oppure +12 V, meno, segnale), il cui segnale è di solito compatibile con strumenti di motogadget. La resistenza usata precedentemente sul sensore non è più necessaria.

a = Sensore di velocità originale
b = +12 V
c = Segnale
d = Maschera/Meno
e = All'impianto elettrico e allo strumento del veicolo


sensore Reed

sensore Reed

Contatto Reed con magnete sulla ruota

Questo principio è noto, ad esempio, per i tachimetri elettronici delle biciclette. Il sensore reagisce sempre a uno o più magneti che si trovano in determinati punti della ruota. Si tratta di sensori con 2 cavi di collegamento. Affinché questi possano essere utilizzati per gli strumenti di motogadget, è necessario collegare un cavo con la massa/il negativo e l'altro con l'entrata del tachimetro.

Sensori di velocità montati a posteriori o in aggiunta

sui veicoli più vecchi il tachimetro viene ancora azionato meccanicamente da un albero. In questo caso oppure se il sensore di velocità già presente non è compatibile, è necessario utilizzare il sensore incluso nella fornitura dello strumento motogadget (si tratta di un contatto Reed con magnete). Il sensore può essere montato sulla forcella (il magnete in questo caso sulla ruota anteriore), sul braccio oscillante o sul supporto della pinza del freno (il magnete in questo caso sulla ruota posteriore/corona). La posizione più adatta da un punto di vista meccanico dipende dal tipo di veicolo. Eventualmente occorre piegare e fissare una piccola piastra di fissaggio per il sensore. Dovrebbe essere scelto un punto di attacco sufficientemente stabile. I magneti possono essere incollati al mozzo della ruota, al supporto del disco freno, alla corona o altro con un adesivo bicomponente. Più il magnete è posizionato vicino all'asse della ruota, minori sono le forze centrifughe che agiscono su di esso. Ovviamente deve essere esattamente allineato alla punta del sensore e la distanza tra il magnete e il sensore non dovrebbe superare i 4 mm.

Contagiri

Per misurare e visualizzare il regime del motore viene normalmente utilizzato l'impulso di accensione. Questo impulso deve essere compatibile con lo strumento. In genere si distingue tra due tipi di segnali di accensione o accensioni: 

Accensioni con impulso di ingresso negativo

Comprendono accensioni con contatti di accensione meccanici (moto classiche e d'epoca), accensioni elettroniche analogiche e accensioni elettroniche digitali. Le ultime due sono denominate anche accensioni a transistor/accensioni a batteria. Tutte le unità di controllo del motore (ECU) elettroniche con iniezione/accensione combinata sono anche accensioni a transistor. Con questo tipo di accensione gli strumenti di motogadget possono essere collegati direttamente al circuito primario della bobina di accensione (morsetto 1, polo negativo). Se il veicolo è già dotato di un contagiri elettronico oppure se l'accensione/l'unità di controllo del motore dispone di una propria uscita per il contagiri, anch'essi possono essere usati per il collegamento. Le uniche eccezioni sono veicoli in cui le bobine di accensione sono integrate nei connettori delle candele e contemporaneamente gli strumenti originali vengono azionati da CAN-bus. In questo caso la ricezione del segnale di accensione potrebbe causare problemi.

sensore di segnale di accensione

sensore di segnale di accensione

Accensioni con impulso di ingresso positivo

Questo tipo include solo l'accensione del condensatore. Queste accensioni sono anche chiamate CDI (Capacitor Discharge Ignition) o accensione ad alta tensione. Questa accensione "autoeccitata" non necessita di una batteria per funzionare ed è spesso utilizzata su enduro, monocilindri e motocicli di cilindrata inferiore. Se questo tipo di accensione è disponibile, è necessario utilizzare il pick-up del segnale di accensione.

Nota: i produttori di moto giapponesi in alcuni casi fanno riferimento alle accensioni elettroniche di moto da strada descritte al punto a) utilizzando la sigla "CDI". Questo crea spesso dei fraintendimenti! 


bobine di accensione

Accensione a transistor (sinistra), accensione a condensatore (destra)

Distinzione tra i tipi di accensione

A livello puramente indicativo si può affermare che le moto da strada con motori a più cilindri nella maggior parte dei casi sono dotate di accensione a transistor, mentre le moto monocilindriche anche con cilindrate maggiori e le moto più piccole hanno spesso un'accensione a scarica di condensatore (CDI). Lo si può notare abbastanza bene sul collegamento della bobina o delle bobine di accensione. Nell'accensione a transistor un polo della bobina di accensione è collegato al positivo attivato della rete di bordo, mentre l'altro polo è collegato all'unità di accensione (polo negativo). Nell'accensione a scarica di condensatore un polo è collegato direttamente alla massa/negativo, mentre l'altro polo è collegato all'unità di accensione (polo positivo).

Tasto del menu

Gli strumenti di motogadget sono universali e devono quindi essere calibrati e impostati sul veicolo. Inoltre è possibile visualizzare o resettare diverse misurazioni sul display. Questa operazione viene eseguita con un piccolo tasto in dotazione con lo strumento motogadget. Se non si vuole montare un tasto supplementare è possibile ad esempio utilizzare un tasto degli indicatori luminosi già presente sulla moto, purché sia inserito il negativo (senza tensione).

a = Bobina di accensione
b = Accensione/ECU
c = Blocchetto dell'accensione
d = Batteria


schema di collegamento

schema di collegamento

Schema elettrico del collegamento elettrico: Esempio con motoscope mini 

a = Strumento
b = Fusibile
c = Blocchetto dell'accensione
d = +12 V
e = Tasto
f = Contatto Reed
g = Da accensione/ECU
h = Bobina di accensione


Messa in funzione

Messa in funzione

Dopo che il sensore e lo strumento sono stati fissati meccanicamente in maniera sicura e tutti i collegamenti eseguiti correttamente, è possibile ricollegare la batteria e mettere in funzione lo strumento. Ora è necessario inserire i valori specifici del veicolo nella modalità configurazione e calibrare il tachimetro. Informazioni dettagliate sono contenute nelle istruzioni per l'uso del relativo strumento.


Il centro tecnico Louis

Se hai una domanda tecnica sulla tua moto, rivolgiti al nostro centro tecnico. Troverai infinita esperienza, opere di riferimento e indirizzi.

Attenzione!

I suggerimenti di meccanica fai da te sono procedure generali che potrebbero non essere applicabili a tutti i veicoli o a tutti i singoli componenti. Le condizioni specifiche del sito in cui lavori possono eventualmente variare notevolmente. Pertanto, non possiamo fornire alcuna garanzia alcuna garanzia per quanto riguarda la correttezza delle informazioni riportate nei suggerimenti di meccanica fai da te.

Grazie per la comprensione.