Sostituzione delle ganasce dei freni a tamburo

La manutenzione dei freni a tamburo delle moto richiede un certo impegno e abilità artigianali. Per fortuna, le ganasce del freno non devono essere sostituite molto spesso.

Sostituzione delle ganasce dei freni a tamburo

Sostituzione delle ganasce dei freni a tamburo sulla motocicletta

Il freno a tamburo non ha la stessa azione frenante di un impianto a disco con pinza freno a sei pistoncini, ma è assolutamente sufficiente per la ruota posteriore delle moto più piccole o delle chopper e delle moto da turismo. Se il freno a tamburo è montato sulla ruota posteriore, non è raro che duri per 20.000 – 30.000 km prima di dover essere sostituito, a condizione che sia stato sottoposto a un minimo di manutenzione. Grazie alla sua forma incapsulata, il materiale asportato dovuto all'usura non fuoriesce, bensì rimane all'interno del tamburo del freno. A differenza dei freni a disco, si accede alle ganasce del freno solo con lo smontaggio della ruota posteriore. Solo una volta che la ruota posteriore è stata smontata, le pastiglie freno vengono messe allo scoperto in poche mosse.

Attenzione: se hai anche il benché minimo dubbio di avere le capacità giuste, non lavorare da solo sull'impianto frenante della moto. Chiedi per esempio aiuto a un conoscente che se ne intende o affida il lavoro a un'officina specializzata. 

L'indicazione di controllo mostra la presenza di usura.

L'indicazione di controllo mostra la presenza di usura.

Controllare l'usura

In alcuni freni a tamburo è presente un foro per l'ispezione, chiuso con un piccolo tappo di gomma. Dopo aver rimosso il tappo di gomma, attraverso il foro si riconosce lo spessore della pastiglia. L'esatto spessore minimo della pastiglia (viene misurato solo il punto più sottile della pastiglia incollata) è consultabile nelle istruzioni per la riparazione. Il valore approssimativo è pari a 2 mm. Molto diffuse sono anche indicazioni di controllo sotto forma di indicatore fissato alla leva del freno. Quest'ultimo svolge il suo compito in un punto contrassegnato, messo in evidenza sulla piastra di supporto del freno. Se, con il pedale del freno azionato, l'indicatore si posiziona sull'estremità del contrassegno, le ganasce sono usurate e devono essere sostituite. Si possono però fare affermazioni ragionevoli sullo stato del freno solo con la ruota posteriore smontata. Solo in questo caso è effettivamente possibile esaminare l'intera pastiglia e individuare pastiglie freno eventualmente vetrificate, sporche di olio (per esempio a causa di un cuscinetto della ruota difettoso) o strappate. A causa della loro struttura, le pastiglie di un freno simplex si usurano leggermente su un lato, un fatto assolutamente normale.


Sostituzione delle ganasce dei freni a tamburo – iniziamo

Fase 1 – rimozione della piastra di supporto del freno

Fase 1: rimozione della piastra di supporto del freno

01 – Rimozione della piastra di supporto del freno

Se la ruota posteriore è smontata, è possibile estrarre la piastra di supporto del freno dal tamburo. 


Fase 2 – sollevamento delle vecchie ganasce del freno

Fase 2: sollevamento delle vecchie ganasce del freno

02 – sollevamento delle vecchie ganasce del freno

È possibile sollevare le ganasce utilizzando un cacciavite largo. Tenere però una mano su ganasce e molle (indossare i guanti); in questo modo si ci risparmia una dispendiosa ricerca delle molle sul pavimento del garage. Le molle possono ora essere tolte senza problemi dalle vecchie ganasce del freno. Se la fornitura delle nuove ganasce non comprende alcuna molla, non riutilizzare comunque mai molle arrugginite, allungate (la lunghezza massima è consultabile nel manuale per la riparazione) o danneggiate! Se le molle vanno ancora bene, pulirle per il rimontaggio. 


Fase 3 – pulizia della piastra di supporto del freno con il detergente per freni

Fase 3: pulizia della piastra di supporto del freno con il detergente per freni

03 – Pulizia della piastra di supporto del freno con il detergente per freni

Ora occorre pulire il tamburo e la piastra di supporto del freno con il detergente per freni. Come in tutti i lavori sul freno è necessaria la massima pulizia.


Fase 4 – ripristino della mobilità dell'albero del freno e ingrassaggio con pasta di rame

Fase 4: ripristino della mobilità dell'albero del freno e ingrassaggio con pasta di rame

04 –  Ripristino della mobilità dell'albero del freno e ingrassaggio con pasta di rame

Dopo che tutto è pulito e non presenta tracce di grasso, viene testata la libertà di movimento dell'albero del freno. Se risulta difficile da ruotare, è necessario smontare l'albero, pulirlo e lubrificarlo. Lo smontaggio dell'albero non è problematico. Nella maggior parte dei casi è necessario smontare solo la leva del freno per poter poi spingere fuori l'albero. Tuttavia, prima di svitare la leva, contrassegnare la sua posizione sull'albero tramite un colpo di punteruolo. 

Dopo la pulizia, ingrassare leggermente l'albero con pasta di rame e inserirlo di nuovo nella piastra di ancoraggio del freno. Ora fissare di nuovo la leva nel punto contrassegnato.


Fase 5 – montaggio delle nuove ganasce

Fase 5: montaggio delle nuove ganasce

05 – Montaggio delle nuove ganasce

Le nuove ganasce vengono ingrassate con un sottile strato di pasta di rame sulle superfici di contatto verso il cuscinetto reggispinta e la camma del freno. Per fissare nuovamente le nuove ganasce alla piastra di supporto del freno, prima di tutto agganciare le molle. Tenere ora le ganasce in trazione come a formare una V e posizionarle sulla camma del freno e sul perno fisso. Spingere in giù i bordi esterni della V. Il meccanismo si richiude con uno scatto. Se dello sporco proveniente dalle mani si deposita sulla superficie della pastiglia, si può rimuoverlo usando subito dello smeriglio. Questa fase di lavoro si conclude con un ultimo controllo per vedere se le molle e le ganasce sono posizionate correttamente.


Fase 6 – controllo del tamburo ed eventuale levigatura con carta abrasiva

Fase 6: controllo del tamburo ed eventuale levigatura con carta abrasiva

06 – Controllo del tamburo

Prima di inserire la piastra di supporto del freno con le nuove ganasce nel tamburo, esaminare il tamburo stesso per individuare eventuali danni. Un leggero strato di ruggine e superfici vetrose possono essere rimossi con lo smeriglio.

Se il tamburo del freno è molto usurato in corrispondenza delle pastiglie e presenta dei solchi, l'unica cosa da fare è recarsi in un'officina specializzata. Qui si decide in modo professionale se il tamburo può essere tornito internamente o se il diametro massimo è già stato superato. In un cerchio a raggi è possibile sostituire il mozzo. Se si possiede un cerchio composito, non rimane altro che acquistare un nuovo cerchione.


Fase 7 – regolazione della corsa a vuoto

Fase 7: regolazione della corsa a vuoto

07 – Regolazione della corsa a vuoto

Ora montare la ruota posteriore con l'ancoraggio freno e l'asta comando freno, tendere correttamente la catena e serrare tutti i collegamenti a vite con la coppia prescritta. Le copiglie monouso eventualmente presenti (se non si tratta di copiglie elastiche) devono essere sostituite. 

Ora è necessario regolare il freno; come valore approssimativo per la corsa a vuoto vale un gioco compreso tra ca. 5 e 10 mm sul pedale (consultare il manuale) fino a quando il freno fa presa. Il gioco deve essere assolutamente regolato nel modo corretto. In caso contrario, il freno reagisce troppo in ritardo o può addirittura bloccarsi in caso di surriscaldamento. Questo gioco viene regolato all'estremità dell'asta comando freno tramite il dado di registrazione. 

Dopo aver eseguito la regolazione, ruotare più volte manualmente la ruota posteriore, prestando attenzione che ruoti liberamente (moto sollevata) e non sfreghi contro nulla. Per completare il lavoro, regolare infine l'interruttore luce freno. Se il controdado sull'interruttore luce freno è stato allentato, ruotare quest'ultimo. La luce freno deve accendersi poco prima che inizi l'azione frenante.


Attenzione: nei primi 200 chilometri, durante il "rodaggio" del freno a tamburo rimesso a nuovo, bisognerebbe evitare frenate brusche (sempre se la situazione del traffico lo consente). Le nuove pastiglie freno e il tamburo devono "abituarsi" le une all'altro, "sagomandosi" e accoppiandosi bene.


Il centro tecnico Louis

Se hai una domanda tecnica sulla tua moto, rivolgiti al nostro centro tecnico. Troverai infinita esperienza, opere di riferimento e indirizzi.

Attenzione!

I suggerimenti di meccanica fai da te sono procedure generali che potrebbero non essere applicabili a tutti i veicoli o a tutti i singoli componenti. Le condizioni specifiche del sito in cui lavori possono eventualmente variare notevolmente. Pertanto, non possiamo fornire alcuna garanzia alcuna garanzia per quanto riguarda la correttezza delle informazioni riportate nei suggerimenti di meccanica fai da te.

Grazie per la comprensione.