Montaggio dello scarico

I silenziatori di serie sono sempre più grandi e pesanti, mentre il sound tende a farsi sempre più sottile. I silenziatori e gli impianti completi offerti dai fornitori di accessori sono più leggeri, hanno un sound migliore e offrono alla moto un look personalizzato.

Montaggio dello scarico – powered by Hurric

Conversione dello scarico

Mentre i silenziatori di serie diventano sempre più grandi e massicci e il loro sound, anziché far venire la pelle d'oca, fa venire le lacrime agli occhi di un motociclista incallito, con i loro silenziatori di scarico e gli impianti completi i fornitori di accessori offrono quel suono vigoroso così tanto desiderato e un autentico stile sportivo o custom personalizzato. Inoltre le prestazioni, anche negli impianti di scarico omologati per la circolazione stradale, sono spesso un po' superiori ai valori originali, l'andamento della coppia è sensibilmente più lineare e un peso spesso notevolmente ridotto contribuisce a una dinamica di guida migliorata. La sostituzione di solito è piuttosto semplice da realizzare.

Un intervento di tuning amato dai motociclisti

Da un punto di vista estetico, offre ai proprietari di moto naked e sportive della generazione di veicoli attuale (con centralina elettronica di iniezione) possibilità che, in passato, non avrebbero mai ottenuto l'omologazione. Un silenziatore Hurric Supersport, ad esempio, conferisce proprio quel look corto e accattivante che molti biker hanno sempre desiderato, il tutto completo di omologazione CE. Ciò evita la noia di doversi recare presso un centro di omologazione o di dover portare la certificazione con sé, in quanto la marcatura presente sul silenziatore ne attesta per legge già di per sé la legalità.

La semplice sostituzione dello scarico o il solo utilizzo di un filtro dell'aria permanente K&N generalmente rientra ancora nel campo di regolazione della centralina elettronica di iniezione, la quale garantisce una corretta composizione della miscela. Solo se si combinano più modifiche tuning (ad esempio filtro dell'aria sportivo più Db-killer rimosso) è necessario valutare se è necessario arricchire la miscela nell'iniettore (ad esempio attraverso un Powercommander). Lo stesso vale anche quando vengono montati impianti di scarico non omologati per la circolazione stradale. In caso di un veicolo con carburatori, la scelta del momento in cui è necessario adattare la preparazione della miscela dipende molto dalla moto in questione. Se si utilizza soltanto un silenziatore provvisto di omologazione CE con Db-killer, raramente è necessario montare un sistema di iniezione più ricco.

Nota: Se si combinano più modifiche tuning (scarico più filtro dell'aria con flusso più elevato), di solito questa misura è invece indispensabile. Dopo una conversione è quindi consigliabile analizzare l'aspetto delle candele di accensione del motore, prestando attenzione ad altri elementi che indicano che la miscela è troppo magra, ad esempio "scoppi" nello scarico quando si decelera oppure aumento della temperatura del motore. 

E il catalizzatore? Dal 2006 la revisione prevede anche per le moto un controllo dei gas di scarico. Se si sostituisce lo scarico con un impianto accessorio su moto con anno di fabbricazione a partire da 05/2006, quest'ultimo deve essere equipaggiato con un catalizzatore per rispettare i valori di emissione dei gas di scarico. A livello pratico, è ovvio che se il catalizzatore originale è montato nel collettore, allora lo scarico accessorio può anche esserne sprovvisto. Per veicoli immessi sul mercato dal 2016, in materia di valori di emissione di gas di scarico e di rumore vale la norma Euro4, ancora più rigorosa. È quindi necessario utilizzare un impianto di scarico Euro4 indicato. In questo caso il Db-killer non è più smontabile. I veicoli precedenti all'anno di fabbricazione 05/2006 non richiedono un catalizzatore per rispettare i valori limite di emissione dei gas di scarico vigenti. In questo caso, se si monta uno scarico accessorio il catalizzatore può non essere necessario (vedere pagina 204 dei consigli per meccanici fai da te Revisione e normativa europea.

Montaggio di un silenziatore accessorio utilizzando come esempio un modello Hurric Supersport con catalizzatore su una Kawasaki Z 750 con anno di fabbricazione a partire dal 2007.

Prima di iniziare il lavoro, sollevare la moto in maniera sicura e stabile (vedere dei consigli per meccanici fai da te Nozioni di base sugli alzamoto). Preparare una base d'appoggio morbida (ad esempio una coperta) in modo da potervi appoggiare in maniera sicura sia i componenti originali sia i nuovi accessori senza provocare involontariamente graffi.


Montaggio di un silenziatore accessorio – iniziamo

Fase 1 – allentare le viti su collettore, supporto del silenziatore e telaio

Fase 1: allentare le viti su collettore, supporto del silenziatore e telaio 

01 – Allentare le viti su collettore, supporto del silenziatore e telaio

Per prima cosa allentare le viti della fascetta del collettore, del supporto del tubo intermedio e del supporto dal silenziatore sul telaio della moto. Quando si allenta l'ultima vite sul supporto del silenziatore, assicurarsi di avere sempre una presa salda sul silenziatore affinché non cada a terra. 


Fase 2 – rimuovere il cappuccio del servomotore dell'albero a camme

Fase 2: rimuovere il cappuccio del servomotore dell'albero a camme 

02 – Rimuovere il cappuccio del servomotore dell'albero a camme

Quindi ruotare il silenziatore in senso orario verso l'esterno e smontare il cappuccio nero del servomotore dell'albero a camme rimuovendo le due viti a esagono incassato. 


Fase 3 – Scollegare i cavi Bowden

Fase 3: scollegare i cavi Bowden 

03 – Scollegare i cavi Bowden

Prima di scollegare i cavi Bowden sull'albero a camme allentare prima i dadi esagonali che bloccano i cavi. Quindi è possibile scollegare i cavi Bowden dell'albero a camme e fissarli in modo sicuro al motore utilizzando fascette per cavi.

Nota: i cavi scollegati non devono venire a contatto successivamente con parti mobili! Devono quindi venire fissati ben distanti da catena, pignone, ruota posteriore o braccio oscillante! È anche possibile smontare completamente i cavi Bowden. Tuttavia questa operazione può generare un messaggio di errore sul cruscotto, con la conseguenza che la moto funzionerà poi solo in modalità di emergenza, o come minimo verrà visualizzato costantemente questo fastidioso messaggio di errore. Il messaggio dovrebbe poi venire disattivato attraverso l'impianto elettronico, un'operazione che può essere eseguita solo dalla propria officina specializzata.


Fase 4 – inserire il tubo intermedio e premontare la fascetta del collettorelle vormontieren

Fase 4: inserire il tubo intermedio e premontare la fascetta del collettore 

04 – Inserire il tubo intermedio e premontare la fascetta del collettore

Applicare un po' di pasta di rame sulle superfici di contatto dei tubi, per poterli montare ed eventualmente smontare di nuovo più facilmente. La pasta di rame deve essere applicata anche su tutte le viti di fissaggio e delle fascette dello scarico in modo che non possano arrugginirsi. Ora inserire il tubo intermedio Hurric nel collettore originale e premontare la fascetta del collettore senza serrare.


Fase 5 – infilare il nuovo silenziatore

Fase 5: infilare il nuovo silenziatore 

05 – Infilare il nuovo silenziatore

Quindi infilare il silenziatore Hurric fino a battuta sul tubo intermedio Hurric. Allineare il silenziatore e il tubo intermedio in modo tale che l'impianto di scarico risulti parallelo rispetto alla moto. Far scorrere la fascetta di carbonio sul silenziatore Hurric e premontare quest'ultimo sul supporto originale sul telaio della moto senza serrare utilizzando il materiale di fissaggio originale.


Fase 6 – agganciare le molle

Fase 6: agganciare le molle 

06 – Agganciare le molle

Ora agganciare le molle negli appositi occhielli. Consigliamo di utilizzare un attrezzo per montaggio molle. 


Fase 7 – allineare il silenziatore

Fase 7: allineare il silenziatore 

07 – Allineare il silenziatore

Allineare il silenziatore con il veicolo e assicurarsi che il montaggio sia senza tensione, condizione importante per evitare danni provocati dalle vibrazioni. Se lo scarico è leggermente distante dal punto di montaggio sul telaio e il problema non può essere corretto con l'allineamento, è preferibile montare una rondella distanziale piuttosto che serrare l'intero impianto sul telaio con la vite. Infine serrare le viti M8 sul telaio di supporto e sulla fascetta del tubo intermedio a una coppia di 21 Nm. Quando il montaggio è completamente terminato e tutti i componenti sono puliti e posizionati in modo saldo, nulla potrà più impedire di eseguire il primo "soundcheck". A questo punto non ci sarà più biker a cui il suono non strapperà un sorriso!  


Il centro tecnico Louis

Se hai una domanda tecnica sulla tua moto, rivolgiti al nostro centro tecnico. Troverai infinita esperienza, opere di riferimento e indirizzi.

Attenzione!

I suggerimenti di meccanica fai da te sono procedure generali che potrebbero non essere applicabili a tutti i veicoli o a tutti i singoli componenti. Le condizioni specifiche del sito in cui lavori possono eventualmente variare notevolmente. Pertanto, non possiamo fornire alcuna garanzia alcuna garanzia per quanto riguarda la correttezza delle informazioni riportate nei suggerimenti di meccanica fai da te.

Grazie per la comprensione.